Il PiP, 10+ mesi dopo

Posted: novembre 14th, 2011 | Author: pigats | Filed under: Eventi, Programmers in Padua, Rails Rumble, blog | 1 Comment »

Dopo lo startup-peritivo di maggio, avevamo solo un’altra data prima dell’estate. Così venerdì 24 Giugno abbiamo chiuso i primi 6 mesi di Programmers in Padua con una gran bella serata.

Андрей (Andrei) ha tenuto un talk molto interessante analizzando i motivi per cui una sua startup è fallita; Stefano Ceschi Berrini ci ha parlato di framework javascript, in particolare mootools; Diego, arrivando direttamente da uno stage presso Xpeppers a Milano, ci ha parlato di programmazione orientata agli oggetti facendoci notare che probabilmente non la stiamo veramente usando; infine il nostro ospite Matteo Flora, esperto di sicurezza informatica e computer forensics, ci ha parlato di alcuni aspetti legali della produzione di software in un talk molto originale dal titolo “il mio miglior amico è un avvocato (e non è colpa sua)”.

Dopo la tradizionale pizzata ci siamo salutati, dandoci appuntamento a qualche mese più tardi. Ci ha piacevolmente sorpreso vedere che anche in nostra assenza (Diego era preso con la tesi, io in California) il gruppo ha continuato a essere attivo su facebook, con numerose discussioni e tantissime offerte di lavoro – dai PiP-ers non potevamo davvero aspettarci di meno :)

E ad ottobre siamo ripartiti alla grande, con il PiP del 7 ottobre. Una serata inaugurata da Lorenzo Braghetto con un talk su android che aspettavamo da tempo. A seguire, a grande grandissima richiesta un talk su nodejs, tenuto dalla rivelazione dell’estate Giovanni Cappellotto, che aspettavamo di conoscere da quando era comparso, qualche settimana prima, sul gruppo facebook del PiP. Terzo, il talk su Lelylan, la piattaforma per la domotica ideata da Andrea Reginato – un altro grande assente che aspettavamo almeno da Gennaio ma che alla fine non ci ha deluso :) .

Rails4Rumble, il RailsRumble :lang => “it”

L’ultimo talk è stato un po’ a parte, e ha dato il là a una iniziativa più grande che covavamo da un po’: insieme a Michele Franzin abbiamo invitato tutti i Programmers in Padua alla coding competition più cool di tutte, il RailsRumble.
La nostra idea è di invitare team di developers Rails da tutta Italia per partecipare insieme al Rumble (previsto per i primi mesi del 2012), e come primo passo abbiamo organizzato un corso di Rails per portare chi non lo conosce da zero a essere in grado di sfornare una webapp in 48h. Per convincere i più titubanti, Michele ha sviluppato e deployato il form di iscrizione al corso in 30 min, praticamente sotto i loro occhi :) Se la cosa vi incuriosisce come speriamo, pubblichiamo tutte le informazioni man mano che la cosa prende forma all’indirizzo http://www.rails4rumble.it. Stay tuned and get ready!


ven 27/5 aperitivo con gli startupper

Posted: maggio 21st, 2011 | Author: pigats | Filed under: Eventi, Programmers in Padua | No Comments »

Programmers in Padua è continuato molto meglio di quanto non siamo riusciti a rendergli giustizia in questo blog. Cercheremo di fare di meglio per il futuro ma come potete immaginare gli impegni sono tanti… speriamo almeno che il ritardo con cui riportiamo il resoconto degli incontri del gruppo abbia spinto qualcuno in più a partecipare di persona con la curiosità di scoprire se il club era ancora vivo :)

Prima di parlarvi del prossimo incontro, quindi, ho scritto un veloce resoconto degli ultimi 3 incontri.

“Once upon a time… in my mind”

ovvero come nasce e cresce una startup

Per questo mese, abbiamo cambiato di nuovo il format (non stiamo mai fermi!). Dopo essere stati all’["APP"].eritivo organizzato da Laura di M31, ci siamo accordati con lei per unire le forze il 27 Maggio. L’evento è a tema “startup” (uno startup-peritivo, come l’ha battezzato Diego), e non sarà per i relatori il solito momento “pubblicitario” per il loro prodotto/servizio, ma abbiamo invece chiesto loro di condividere con noi l’esperienza di startup e startupper: l’idea, come nasce e cresce, gli aspetti positivi e le difficoltà, l’investimento in termini economici e di tempo…

Ci troveremo alle 18:30 presso il Caffè Ti Amo, in via Venezia 7/a invece che al Collegio Mazza, e dopo i talk ceneremo assieme come al solito con una pizza in centro. Lasciatemi dire che nello spirito del pip chiunque volesse intervenire con le sue idee, la sua esperienza e il suo entusiasmo di startupper o aspirante tale ne avrà la possibilità alla fine (nei limiti del tempo e della fame del pubblico!).

Ecco dunque i nostri fantastici ospiti:

  • Francesco Fraioli, founder di thounds
  • Pier Mattia Avesani, CEO e cofounder di uqido
  • Johanna Brewer e Arianna Bassoli, founders di frēstyl
  • Francesco Mancusi, Nicola Brisotto, Enrico Zeffiro, cofounder CTO e adv di GoWar

Vi aspettiamo numerosissimi. Segnatevi sull’evento facebook e fateci sapere se vi fermate per la cena (così possiamo prenotare la pizzeria). E non dimenticate di spargere la voce fra i vostri amici e colleghi. Per altre informazioni controllate la pagina web di programmers in padua e il gruppo facebook.

A venerdì, non vedo l’ora.

[Update] Scarica la nostra favolosa locandina, e spamma tutti i tuoi amici. Poi stampala e affiggila nella bacheca dell’ufficio, in aula o sulla macchinetta del caffè. Ci contiamo!


I pip di febbraio marzo ed aprile

Posted: maggio 21st, 2011 | Author: pigats | Filed under: Eventi, Programmers in Padua | 8 Comments »

Il 4 e 5 febbraio Mario Fusco ha tenuto un corso di Scala. È stata una bella occasione per conoscere questo linguaggio multi paradigma che unisce la programmazione ad oggetti a quella funzionale, e la parte migliore è stata vedere quanto Mario ne fosse appassionato, tanto da rinunciare a lavorare in Italia pur di poterlo utilizzare professionalmente. I suoi esempi e la sua profonda conoscenza dell’argomento chiarivano subito i dubbi delle numerose domande (che mi hanno piacevolmente stupito!).

C’è stato un buon successo di pubblico, sia tra i professionisti che tra gli studenti. Certo è che neanche le brioche che avevamo promesso per sabato mattina sono riuscite a tirar giù dal letto più di 10 programmers, i più tosti evidentemente :)

L’11 Marzo siamo tornati al format originale, 3 talk padovani + 1 ospite. Roberto Mancin ci  ha parlato di extreme input device, di cui si occupa in qualità di informatico pediatrico (“una razza in via di estinzione”, come dice lui…ma che si sta impegnando con successo a salvaguardare dato che è stato attivato da poco il primo corso interfacoltà all’Università di Padova). È stato così convincente che mi ha davvero fatto venire voglia di avere questo mind-reader di cui parlava…

Massimo Scarpis ha presentato H-farm, un incubatore di startup tecnologiche che si trova Roncade in provincia di Treviso [in una tenuta magnifica, immersa nel verde...merita proprio una visita, ma siamo OT], il programma di seed e la vision del gruppo. Se avete una bella idea di startup dovete assolutamente farci un salto, specie in occasione delle storming-pizza, serate di pitch + pizza che organizzano periodicamente.

Paolo Foletto ha parlato di Grails, un framework per web application scritto in Groovy basato su Spring che mima un po’ Rails ma permette di rimanere fedeli all’ecosistema Java e della Virtual Machine, ed è quindi più appetibile in ambito enterprise. Paolo è un professionista che ci capita spesso di incontrare alle conferenze informatiche in giro per l’Italia, e che aveva fra l’altro presentato Grails anche pochi giorni prima al Codemotion di Roma.

L’ospite della serata di marzo è stato Giorgio Urso, fra i massimi (o “vecchi”, come ci ha corretti) esperti di calcolo parallelo con la tecnologia Cuda di nVidia. Un talk molto interessante, che ha spiegato perché il mondo dell’high performance computing si stia spostando su sistemi ibridi cpu-gpu, di come Cuda sia il leader di questo mercato in forte crescita e che ha anche coperto argomenti molto tecnici come l’architettura delle gpu nVidia e listati di codice in Cuda-C. Il talk ha avuto un lungo strascico anche una volta che si era concluso, con parecchi studenti e ricercatori che hanno letteralmente assalito Giorgio per parlare delle opportunità offerte dal calcolo su gpu.

Il 28 aprile David Welton ci ha parlato di come funziona l’economia del software. È stato un talk molto originale e ricco di spunti, ancora più interessante perché veniva da un tecnico (David è un programmatore professionista) che a un certo punto si è incuriosito dell’argomento e ha iniziato a leggere paper scientifici e libri di economia (con una curiosità e un MO tipico dei programmatori, non trovate?)

Il team 7seeds, rappresentato da Diego Giorgini, Alessandro Vendruscolo e Marco Ziccardi, ha presentato il loro progetto nato durante il corso di Ingegneria del Software (laurea triennale in informatica), una webapp realizzata con tecnologie Google (compreso un client Android nativo!) per la segnalazione e la gestione di calamità naturali. Un talk molto dettagliato sia per quanto riguarda la parte tecnica che per quella metodologica, in particolare c’è stato un po’ di sano dibattito sull’annosa questione metodi formali vs. metodi agili. [Ovviamente sapete già da che parte stiamo noi ;)]

Michele Franzin ha spiegato perchè scorporare pezzi indipendenti di codice sia una best-practice nell’ottica del riuso e della manutenzione dei programmi, e nello specifico di come creare e pubblicare gemme in Ruby utilizzando bundler. Io ho trovato molto interessante anche un argomento collaterale del talk, ovvero come si può validare un numero di carta di credito senza utilizzare un servizio bancario di verifica (google se siete curiosi).

Per ultimo abbiamo avuto un talk a sorpresa di Manuel Gilioli sulla sua esperienza di startupper, fra Italia e USA. Mi è piaciuto che qualcuno si sia proposto all’ultimo minuto, e spero che la cosa si ripeta anche in futuro.


The Web is Open – 30 Aprile a Schio

Posted: aprile 30th, 2011 | Author: ogeidix | Filed under: blog | No Comments »

La quantità di software libero che “consumiamo” quotidianamente nell’utilizzo comune del computer è veramente molto elevata. In fruktarbo questa quantità aumenta ancora di più e probabilmente senza questo tipo di software molti dei progetti che realizziamo, delle competenze che abbiamo acquisito e degli incontri con le persone più in gamba che conosciamo semplicemente non ci sarebbero mai stati.

la prima slide della presentazione di fruktarbo al festival delle città impresa: "the web is open"

A partire dal software libero si può estendere l’idea a una cultura dell’apertura che va oltre questo, e contemporaneamente lo sostiene e ne permette lo sviluppo.
Questa cultura dell’apertura è quella che ha portato GitHub a diventare il più grande archivio di progetti liberi, è la stessa cultura che porta milioni di persone a collaborare a Wikipedia ed è ancora la stessa cultura che accoglie su internet qualsiasi nuova tecnologia proposta dal basso.

Ci piace pensare di poter sintetizzare questa cultura con una sola frase: the Web is Open. Non si tratta solo di una constatazione giustificata storicamente dalla nascita e dall’evoluzione della rete o di un concetto ormai solidificato e garantito, ma anche e soprattutto un obiettivo da tenere bene a mente per gli sviluppi del futuro.

Questo pomeriggio saremo a Schio al Festival delle Città Impresa all’interno del primo Ubuntu Party italiano per parlare dei punti salienti dello stack che secondo noi compone questo web “aperto”, ovvero le tecnologie, i dati e le persone. Uno stack su cui stiamo scommettendo in prima persona con il nostro ultimo progetto wecampus.org . A fra poco.


[Update] Ecco le slide del nostro talk

e il video!

Andrea Pigato e Diego Giorgini (Fruktarbo):the web is open – technologies, data, people from Matteo Zaffo '80 on Vimeo.

Un ringraziamento a tutta l’organizzazione dell’Ubuntu Party


Programmers in Padua – 2 incontro

Posted: gennaio 28th, 2011 | Author: pigats | Filed under: Eventi, Programmers in Padua, blog | 5 Comments »

Il primo appuntamento di programmers in padua è stato un successo al di là delle aspettative, che pure erano alte visto il buzz su twitter e facebook (e lo spamming su varie mailing list dell’università :P). I talk sono stati accolti con molto entusiasmo, e a grande richiesta abbiamo pubblicato i video e le slide per chi non è potuto venire. Con l’occasione mi complimento con i primi talker Alessandro, Alberto e Giordano per aver rotto il ghiaccio alla grande. Menzione speciale per il momento della pizza, perché chiacchierare con la pancia piena è un ottimo modo per costruire quel network di conoscenze della cui importanza ho parlato anche nel mio intervento.

Come speravamo, molti dei partecipanti si sono già proposti per tenere dei talk ai prossimi incontri. Nell’attesa del call-for-paper sul sito, il modo migliore per tastare l’interesse riguardo al vostro argomento è di pubblicarlo direttamente sulla bacheca del gruppo facebook.

Veniamo ora al futuro, perché febbraio e il secondo pip sono già alle porte. Una volta a regime pensiamo che ci sarà un incontro al mese, ma in questo caso non potevamo lasciarci sfuggire Mario Fusco, di passaggio per un po’ in Italia mentre si trasferisce da Lugano a Berlino. Mario è un professionista Java (per chi non lo conoscesse, abbiamo pubblicato un brevissimo profilo sul sito di programmersinpadua) e siamo felici abbia accettato di tenere un corso di ~4h sul linguaggio Scala. Non preoccupatevi per la durata! Per evitare il collasso ci saranno due lezioni di 2h, una venerdì 4 sera all’ora usuale 18:30 e l’altra sabato 5 mattina alle ore 9:30. Naturalmente in mezzo non ci faremo mancare la pizza+birra.

Non si tratta di un corso per soli professionisti: se anche voi (come me) non avete mai visto scala o utilizzato la programmazione funzionale non perdete l’occasione di passare. Aiutateci a spargere la voce fra gli studenti, i docenti e i professionisti. E non dimenticate di iscrivervi all’evento su facebook!


Programmers in Padua – 1 incontro

Posted: gennaio 15th, 2011 | Author: pigats | Filed under: Eventi, Programmers in Padua, blog | 2 Comments »

Volevamo creare un club, uno spazio informale dove si potesse fare rete parlando di programmazione, nuove tecnologie e startup. Cosa è successo poi? Beh l’entusiasmo su twitter e sul gruppo facebook parla da solo! Un sacco di Padovani non vedono l’ora di incontrarsi per scambiarsi le proprie esperienze.

Sembra che finalmente ci siamo! La prima data è fissata, la sala è pronta, gli inviti sono stati spediti. Abbiamo anche pubblicato una paginetta web all’indirizzo www.programmersinpadua.it: ci troverete il programma delle serate e l’archivio del materiale di tutti i talk.

Veniamo dunque alla parte che davvero vi interessa.

www.programmersinpadua.it

Il programma di venerdì 21 prevede un talk in cui parlerò di Università 2.0, il progetto con cui Diego ed io abbiamo vinto una delle borse di studio del Working Capital Tour 2010.

Vi spiegherò in cosa consiste e come studenti e docenti possano da subito dare il loro contributo per migliorare l’università. Vi racconterò così la nostra (ancora piccola!) esperienza  nel mondo dell’imprenditorialità giovanile e delle startup.

Haml e Sass saranno l’argomento del talk di Alessandro Vendruscolo, un web designer la cui firma potete trovare nientedimeno che sul template di macstories. Per chi non li conoscesse, Haml e Sass sono dei tool con cui è possibile velocizzare notevolmente la scrittura di html e css.

Durante il terzo talk, Alberto de Bortoli ci parlerà dello sviluppo mobile cross-platform. Alberto ha già pubblicato varie applicazioni nell’App Store, e partirà proprio dallo sviluppo nativo (sia Android che iOs) per arrivare ai framework multipiattaforma e finire con un caso d’uso reale: il porting di iHarmony con Titanium.

Infine, l’ospite con cui inaugureremo la prima serata del PiP è Giordano Scalzo, un professionista che si definisce “software craftsman” in virtù di un’accezione creativa ed artigianale del software che mi ha molto affascinato. E’ un attivo partecipante dello Xpug e dello Jug di Milano, e ci proporrà una dimostrazione di Code Kata in TDD. Non temete se non sapete di cosa si tratta, Giordano avrà cura di introdurre questa tecnica e sono sicuro che rimarrete impressionati come me la prima volta che ho avuto il piacere di assistere.

Finiti i talk si va tutti insieme a mangiare una pizza e a bersi una birra. Vi ricordo di segnarvi sull’evento che abbiamo creato su facebook e di spargere la voce. A venerdì. Io non vedo l’ora.


Informatica e networking a Padova: PiP!

Posted: gennaio 12th, 2011 | Author: ogeidix | Filed under: Eventi, Programmers in Padua, blog | 7 Comments »

Buon nuovo anno a tutti! Ci sono così tante frizzanti e interessanti novità per questo 2011 che io e Andrea non sappiamo bene da dove iniziare a raccontarvi :)

Partiamo da una super notizia che penso accoglierete con moltissimo entusiasmo: vogliamo creare un club di appassionati di informatica, programmazione, nuove tecnologie proprio qui a Padova!

A Padova non si trovano facilmente eventi di questo tipo, e capita che, per sentire un talk sullo sviluppo agile, su sistemi cloud o mobile, sia necessario spostarsi a Milano.

Eppure in dipartimento di Informatica c’è Alberto che sviluppa applicazioni iPhone di notevole successo, Lorenzo che collabora con startup creando client Android per servizi web e Alessandro che disegna CSS per le mele famose. In città ci sono aziende che lavorano con Ruby On Rails, e professionisti molto attivi nella comunità opensource.

Vogliamo far incontrare queste persone! Vogliamo che si crei quel network di conoscenze e quella concentrazione di competenze che ha determinato il successo della Valley.

E fra queste persone sono certo ci sia anche tu! scommetto che nell’ultimo mese hai utilizzato per la prima volta o approfondito almeno una nuova tecnologia. Cosa ne dici di parlarne in un talk?

Ci stiamo già occupando della (più noiosa) parte organizzativa in modo da lasciare a voi solo il divertimento. L’ambiente sarà molto informale, anche per chi fosse solo curioso non ci sono scuse per non fare un salto.

Veniamo al sodo: stiamo già preparando il primo incontro!

QUANDO: venerdì 21 gennaio ore 18.30
COSA:   3 talk vostri + 1 talk ospite + pizza e birra tutti assieme
COME:   logicamente l’ingresso è libero, anzi invitate tutti i vostri amici!
DOVE:   Collegio Mazza, Via dei Savonarola 176 , Padova (mappa)

Vi abbiamo incuriosito abbastanza?? Io spero di sì, non rimarrete delusi.

Iscrivetevi al gruppo Facebook  per restare aggiornati e segnalarci il vostro interesse e i talk che vorreste sentire e proporre! Programmers in Padua

Presto nuove notizie ma nel frattempo, mi raccomando, spargi la voce!!


Enjoy ruby, rails and the agile world

Posted: novembre 3rd, 2010 | Author: ogeidix | Filed under: Eventi, blog | Tags: , , , , | 1 Comment »

[EDIT: Giuro che il titolo non vuole fare il verso alla situazione politica italiana ;) ]

Il mondo di ruby, rails, delle metodologie agili e delle startup non dorme mai, anzi in questo momento è più vivo che mai e conferenze, concorsi, cene ed eventi continuano a susseguirsi.

Nell’era della comunicazione digitale non è però sufficiente assistere nascosti dietro ad una pagina web, partecipare di persona e incontrare direttamente le persone che si occupano di questi temi dà infatti tutta un’altra carica.

Ecco quindi che io e Andrea non siamo riusciti a resistere e abbiamo riempito la nostra agenda (già sofferente per le scadenze accademiche sigh) di impegni online e lungo tutto il nord Italia.
Di seguito vi riportiamo gli eventi più importanti che abbiamo incontrato e quelli a cui parteciperemo prossimamente.


Ruby Social Club Milano

Giovedi 28 Ottobre siamo stati per la seconda volta all’ #rscm, attesa serata organizzata da Mikamai dove, tra qualche gemma ruby, presentazioni di future startup e progetti di investimento molto geek, abbiamo incontrato (e reincontrato) persone di grande talento.

In un clima molto easy  (e vincendo le resistenze di Andrea :p ) abbiamo improvvisato un mini talk per parlare di Rails Rumble e della applicazione che abbiamo realizzato, invitando poi tutti i presenti alla prossima edizione.

Qui trovate un riepilogo + streaming della serata:
http://blog.mikamai.com/2010/10/il-ruby-social-club-per-chi-non-cera/


Rails Rumble 2010

Rails Rumble è una competizione internazionale che vede impegnati programmatori di tutto il mondo in 48 ore di coding no-stop con l’obiettivo di realizzare l’applicazione web più innovativa e più completa (con Rails naturalmente).

In questi giorni e i team di massimo 4 persone devono occuparsi di tutti gli aspetti della propria applicazione, dalla realizzazione al deploy passando per la gestione del server virtuale.

Quest’anno Rails Rumble cadeva il 16 e il 17 Ottobre. Oltre a me e ad Andrea (siamo giunti ormai alla nostra terza edizione!) si è aggiunto al team Alessandro per la componente grafica e assieme abbiamo realizzato…

… Jimmy The Unpacker

Non vogliamo rovinarvi il gusto della scoperta quindi andate subito su http://unpack.r10.railsrumble.com e provate direttamente la nostra nuova applicazione web realizzata in 48h.

Jimmy potrebbe ricevere più attenzioni in un post futuro e chissà.. magari avremo modo di rimetterci mano e metterlo online sui nostri server.

Per ora vi lascio solo l’elenco degli ingredienti utilizzati, giusto per solleticare i più curiosi!
Se avete modo di provarlo, fateci sapere cosa ne pensate.

PS: ricordatevi di dare una banana a Jimmy!!


Italian Agile Day

Il 19 Novembre ci sarà l’Italian Agile Day a Genova. I posti sono letteralmente andati a ruba, ma io e Diego tenevamo d’occhio la pagina “registrazione” e non ce li siamo lasciati sfuggire. Penso che sarà davvero molto interessante, ultimamente stiamo cercando di avvicinarci alle tecniche di sviluppo agile anche se a dir la verità talvolta mi sembrano ancora troppo poco agili quando si tratta di un team di due sole persone :)

Un aneddoto divertente che non potevo certo lasciarmi sfuggire: Diego sta seguendo da qualche settimana un bel corso di Ingegneria del Software, tenuto da un docente che non solo propone una visione esageratamente ingegneristica (per come la vedo io, almeno: sviluppare un’applicazione non è che sia proprio come costruire un ponte), ma anche dichiaratamente ed estremamente avverso all’agile.

Chissà come la prenderebbe sapendo che il titolo del primo talk che seguiremo sarà: L’equivoco: Perché l’Ingegneria del Software non Esiste



Moltissimi eventi quindi e le novità non accennano a smettere, chissà, forse qualcosa di nuovo potrebbe nascere anche a Padova.. Cosa dite, vi interessa?